Sostegno alle comunità colpite dal terremoto

Dona un futuro ai bambini di Acquasanta Terme – Ascoli Piceno

CSS Italia si mobilita a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto del Centro Italia, vai alla pagina dedicata alle donazioni online, grazie!
https://ccsitalia.org/it/terremoto-centro-italia logo

E’ stata individuata la zona dove CCS Italia porterà il proprio contributo a sostegno delle comunità colpite dal terremoto del 24 agosto 2016.
La Protezione Civile ha dato l’indicazione di intervenire in soccorso della popolazione del Comune di Acquasanta Terme (AP), a pochi chilometri da Arquata del Tronto, a 16,3 km dall’epicentro della scossa più forte.

I soccorsi al lavoro ad Amatrice, dopo il sisma che nella notte ha colpito il Centro Italia. Amatrice, 24 agosto 2016. ANSA/ LUCA PROSPERI

I soccorsi al lavoro ad Amatrice, dopo il sisma che nella notte ha colpito il Centro Italia. Amatrice, 24 agosto 2016. ANSA/ LUCA PROSPERI

Dopo aver parlato direttamente con il Sindaco di Acquasanta Terme, Sante Stangoni, e con l’assessore alla scuola, al turismo e alla cultura, Elisa Ionni, e sulla base anche dell’esperienza matura nel post terremoto del Nepal, CCS Italia sosterrà le attività a favore dell’infanzia e verranno individuate azioni per rispondere ai loro fabbisogni scolastici.
“Come CCS vogliamo impegnarci per i bambini di Acquasanta Terme perché tornino nel più breve tempo possibile a una vita normale, con la speranza che possano dimenticare il trauma subito in queste giornate terribili e drammatiche”. Queste le parole di Alessandro Grassini, Segretario Generale di CCS Italia.

La testimonianza dell’assessore, Elisa Ionni: “Due frazioni di Acquasanta Terme, Piandelloro e Peracchia, sono completamente distrutte e inagibili, per ora non accessibili e interdette. Vi sono stati crolli totali e danni importanti con feriti, ma fortunatamente senza vittime. Tutti i loro abitanti sono sfollati”.

aa

Acquasanta è un comune che ha investito moltissimo sul turismo, un paese montano ai piedi dei Monti della Laga, ma vicinissimo al mare. Sarà fondamentale per noi riuscire a non interrompere l’afflusso dei turisti nei prossimi anni, unica fonte di reddito di questa zona molto isolata.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.